COME EVITARE LA CONTAMINAZIONE DA MICROPLASTICHE NELL’ACQUA POTABILE

Negli ultimi anni si sta facendo conoscere il grave problema della contaminazione a causa delle cosiddette microplastiche.

Questo inquinante è principalmente associato ai problemi di discarica nei nostri mari, a causa della disgregazione dei milioni di tonnellate di rifiuti plastici scaricati in mare. Nei nostri oceani presenta già un problema serio e che quando sfugge alla vista sembra inesistente, soprattutto per le persone con poche informazioni.

Ciò è motivato dalle piccole dimensioni delle particelle che inquinano il nostro ambiente e che passano completamente inosservate. La realtà ci dice che i fondali di molte zone dei nostri mari non sono altro che il deposito di migliaia di tonnellate di rifiuti plastici degradati sotto forma di piccoli pezzi.

Questi residui della degradazione della plastica non sono i componenti principali di ciò che chiamiamo microplastiche.
Quelle che arrivano alla nostra acqua potabile hanno origine da due motivi: da un lato, il già citato degrado di sacchi e contenitori scaricati nell’ambiente. Dall’altro, il più piccolo e   inquinante dei nostri fiumi e bacini idrografici, che ha origine dalla disgregazione dei tessuti sintetici.

Sembra incredibile che i tessuti sintetici così usati da tutti noi si rivolgano contro di noi, contaminando le nostre fresche acque interiori. Questi tessuti, sia nell’uso quotidiano che ogni volta che li laviamo, si disintegrano in minuscole particelle, la maggior parte delle quali invisibili all’occhio umano. Quando laviamo i nostri vestiti o nell’acqua di pulizia delle nostre case, queste microplastiche diventano parte delle acque reflue di tutte le case.

Potremmo pensare che queste microplastiche vengano trattenute dagli impianti di trattamento delle acque reflue, ma studi recenti ci mostrano che non è così. Tale è la leggerezza e la piccola dimensione delle particelle che finiscono per sfuggire all’azione degli impianti di trattamento, oltre al cattivo funzionamento di alcuni di essi. È più, nella maggior parte dei piccoli centri queste infrastrutture sono obsolete, poco efficienti o direttamente inesistenti.

È in queste piccole città che si trovano alle sorgenti dei nostri canali fluviali che l’inquinamento da microplastiche inizia a contaminare le acque dei nostri fiumi.

Esistono altre fonti di contaminazione da microplastiche:
come la polvere di vernice quando una superficie verniciata viene levigata, le microsfere presenti in alcuni cosmetici o dentifrici e la polvere di usura dei pneumatici.

Queste, pur essendo un’importante fonte di contaminazione, sono meno frequenti nell’entrare a far parte della nostra acqua potabile. Nei casi in cui venga a contatto con fonti di acqua potabile, è altamente probabile che sia dovuto al trascinamento di pioggia o vento, e non a scarichi diretti. Come quelli causati dalle acque che scartiamo dalle nostre case.

Fonti d’acqua prive di inquinamento

Solo le acque sotterranee, essendo isolate all’interno della terra, sono esenti da contaminazione diretta. Il resto dei bacini idropotabili se esposto a sversamenti, in misura maggiore o minore, risulta contaminato.

Come rimuovere le microplastiche dall’acqua potabile

Essendo un elemento solido in sospensione, i micro in plastica sono elementi che possono essere rimossi meccanicamente. Questo può essere effettuato da molti tipi di filtri che tratterranno questi inquinanti, impedendo loro di diventare parte della nostra acqua potabile.

L’importanza della granulometria delle microplastiche

Sebbene qualsiasi mezzo filtrante possa trattenere le microplastiche, la verità è che il più piccolo può essere trattenuto solo dal mezzo filtrante più efficiente.

Su H2O acqua.it configuriamo i nostri filtri in modo che abbiano una ritenzione di tutti i tipi di particelle superiori a 5 micron. Dimensione micron sufficiente per la maggior parte delle microplastiche piccole.

Come abbiamo detto, per rimuovere le microplastiche più piccole siamo costretti a utilizzare i media filtranti più efficienti con particelle   piccole. Questi sistemi nelle loro configurazioni più elementari possono dotare un filtro in polipropilene di appena un micron di luce filtrante. Ma quando vogliamo la massima efficienza dobbiamo ricorrere all’ultrafiltrazione o all’osmosi inversa.

 

L’ultrafiltrazione;
grazie alle cosiddette membrane tubolari, ci fornisce una luce filtrante di 0,2 micron. Tutto questo senza sprecare una goccia d’acqua perché avviene attraverso un processo di ritenzione,   poiché l’inquinante non riesce a passare attraverso la membrana tubolare.

Per chi di voi dispone già di un sistema di depurazione dell’acqua basato sulla filtrazione (non ad osmosi inversa), a breve inseriremo nel nostro catalogo un kit di ultrafiltrazione. Con esso, sarai in grado di migliorare il tuo sistema di purificazione dell’acqua a un livello in grado di trattenere le particelle più piccole e saremo al sicuro dall’ingestione di microplastiche.

L’osmosi inversa;
agisce separando gli elementi inquinanti, eliminandoli attraverso l’acqua che respinge. Raggiunge la separazione a livello degli elementi disciolti, essendo il sistema che ci darà sempre la massima purificazione. Tutto grazie alla sua membrana che lavora a livello delle molecole.

Il suo unico inconveniente è quello di sprecare l’acqua con cui respinge gli elementi inquinanti. Sebbene questa acqua di rifiuto sia solo una quantità molto piccola rispetto al resto del consumo domestico, molte persone rifiutano l’uso dell’osmosi per questo motivo. L’acqua di scarto nei modelli più ecologici è equivalente alla stessa quantità dell’acqua che producono. In questo link puoi vedere il nostro modello più ecologico.

Quanto dura un sistema che rimuove le microplastiche?

Grazie alle dimensioni dei nostri sistemi, la ritenzione dei contaminanti solidi è efficace durante il ciclo di vita dell’elemento filtrante, che equivale a diverse migliaia di litri d’acqua.

Non possiamo parlare di una durata temporanea, essendo realistici dobbiamo parlare della sua durata per il numero di litri filtrati e dipenderà sempre dallo sporco che l’acqua trasporta.
Tenuto conto di quanto sopra, è sempre consigliabile cambiare i filtri una volta all’anno, tempo che tutti i nostri sistemi superano sempre, essendo efficaci.



Acquista l'infuso CLICCA QUI 😊👍
Apri Chat
Salve 👋, posso aiutarti? 🤗