COME OTTENERE PIU’ PRODUZIONE DAL TUO FILTRO AD OSMOSI

Ricevo spesso richieste che hanno a che fare con la produzione di acqua dall’impianto di osmosi. Dopo aver chiesto informazioni sulla produzione specifica dell’attrezzatura oggetto di consultazione, ciò che di solito trovo è che l’attrezzatura produce meno acqua di quanto dovrebbe.

Come ottenere più produzione dalle nostre apparecchiature ad osmosi è la seconda parte di questo articolo, che spero vi piaccia e vi sarà utile.

COME SAPERE SE LE NOSTRE APPARECCHIATURE PER OSMOSI PRODUCONO LA GIUSTA QUANTITÀ DI ACQUA

Un primo  e semplice operazione alla portata di tutti gli utenti è conoscere il tempo necessario per riempire il serbatoio una volta vuoto. Questo ci darà un orientamento sulla produzione delle nostre attrezzature. Il tempo di riempimento si controlla molto facilmente svuotando il serbatoio e misurando il tempo necessario per riempirlo.

Per sapere quando l’apparecchiatura ha finito di riempire il serbatoio, dobbiamo guardare il manometro (il manometro torna a zero), oppure quando l’apparecchiatura smette di espellere acqua per scarto (in apparecchiature senza manometro, o manometro collegato all’ingresso).
Questo tempo di riempimento dipende dalla capacità del serbatoio. Come regola generale, diciamo, e con serbatoi di capacità normale (6-8 litri), il tempo massimo dovrebbe essere di circa un’ora, in attrezzatura senza pompa.

Un po’ più complessa è la verifica di quella che si può chiamare produzione diretta.

Questa produzione diretta è la quantità di acqua prodotta dall’apparecchiatura, misurata mentre viene prodotta. Per questo dobbiamo conoscere la quantità di acqua che depura all’uscita del rubinetto, con il serbatoio chiuso. Ciò si ottiene come abbiamo detto chiudendo il rubinetto del serbatoio, aprendo il rubinetto di servizio dell’acqua depurata, e osservando o misurando la quantità di acqua che ne esce.

Quest’acqua, che è semplicemente un rivolo, ci dà un’idea della produzione, indipendentemente dalla pressione della bombola, quindi è sempre un po’ più alta della produzione effettiva, ma sufficiente per poterla osservare. Se misuriamo la quantità di acqua che l’apparecchiatura produce durante 15 secondi e la moltiplichiamo per quattro, ci dà la quantità di acqua che produce al minuto.

Una produzione media per membrane di 50 GPD sarebbe di circa 0,12 litri al minuto.
Allo stesso modo, le portate medie per le membrane 75GPDde possono essere superiori a 0,15  litri al minuto. Ci sono casi di produzione più alta e più bassa a seconda di diversi fattori, ma se il tuo team si avvicina ai precedenti, è all’interno di quello che possiamo dire una produzione accettabile.

Se l’apparecchiatura produce meno di quanto sopra, dobbiamo scoprire quale fattore sta fallendo e cercare di correggerlo. Questo sarà oggetto di un prossimo articolo, a causa della frequenza con cui si verifica.

Di cosa si deve tener conto per aumentare la produzione di un impianto ad osmosi

Tutto dipende dalla quantità di acqua che vogliamo richiedere al team e dalla sua qualità. Se vogliamo che produca molta acqua, sarà sempre consigliabile sovradimensionare i tre stadi prima della membrana di osmosi.

In caso di non dimensionamento adeguato di queste fasi, si corre il rischio di deteriorare prematuramente la membrana e di non ottenere la produzione desiderata, con la conseguente spesa per la sua sostituzione. Questo sovradimensionamento può essere compensato con un cambio più frequente degli elementi filtranti (filtri) nonché con il montaggio di uno o due ulteriori stadi che raffinano al massimo l’acqua che alimenterà la membrana.

Quest’ultimo può essere fatto con uno o due stadi in più all’ingresso dell’attrezzatura che equipaggeremo con altri filtri. Il tipo di filtri in queste fasi varierà a seconda della qualità e delle caratteristiche dell’acqua.

Quando l’acqua con cui funziona la nostra attrezzatura ha molti minerali disciolti (più di 500 ppm), o è richiesta una grande quantità di acqua dall’attrezzatura, è obbligatorio dotare la nostra attrezzatura di un sistema di lavaggio a membrana.

Nel caso in cui la squadra non ce l’abbia. A parte il tema precedente, l’eccesso di durezza dell’acqua significa che dobbiamo lavorare a pressioni più elevate, sia per alimentare la membrana che nel flussaggio. Questo importante accessorio, indipendentemente da quanto detto, è sempre consigliabile, perché allunga la vita utile della membrana, mantenendone l’efficienza.

Per i nostri clienti, oltre a fornire questi stadi aggiuntivi e il sistema di lavaggio, vengono consigliati le cartucce filtranti più adatte alle loro acque. Tra i nostri clienti abbiamo coltivatori di piante che richiedono una grande quantità di acqua per l’irrigazione e sanno che l’esperienza che abbiamo negli aumenti di produzione.

Aumenta la produzione facendo a meno del serbatoio in pressione

Nella sezione precedente abbiamo appena parlato di persone che richiedono una grande quantità di acqua, da utilizzare come acqua di irrigazione o per acquari di grandi dimensioni.

Per questo tipo di utenze d’acqua ad osmosi, la cosa più semplice dopo aver sovradimensionato il pretrattamento dell’acqua in ingresso è fare a meno del serbatoio in pressione e accumulare l’acqua in un serbatoio aperto. Ciò significa che l’acqua prodotta non trova la sovrapressione del serbatoio, il che rende difficile produrne di più man mano che il serbatoio si riempie.

Il modo per interrompere il funzionamento dell’apparecchiatura, una volta riempito il serbatoio, può essere fatto in vari modi. La più semplice da utilizzare è una valvola a galleggiante, come quelle utilizzate nei serbatoi dei wc. L’altro è avere una sorta di controllo di livello che aziona un’elettrovalvola. Quest’ultimo solo per tuttofare e menti irrequiete. Entrambi interromperanno l’uscita dell’apparecchiatura di osmosi, causando l’interruzione della produzione dell’apparecchiatura.

 Aumenta la produzione con una pompa booster

Molto consigliabile in tutti i casi, perché aumentando logicamente la pressione aumenta anche la produzione. Indispensabile come dicevamo prima con acque molto dure. Aumentando la pressione di esercizio della membrana otteniamo un grande aumento della produzione.
Con questo aumento in molti casi basta, ed è sempre il primo passo per il successivo, che altro non è che aumentare il GPD della membrana da utilizzare, o addirittura montare più membrane contemporaneamente. Tutto dipende sempre dalla qualità dell’acqua.

Conoscendo l’importanza della pressione nelle apparecchiature ad osmosi, vi offriamo questo kit pompa, completamente assemblato e altamente testato in tutti i tipi di installazioni: Kit pompa a pressione

Aumentare la produzione con membrane ad alta produzione

La produzione stimata di una membrana è indicata dalla cifra in galloni al giorno (GPD) che può produrre. Questa è sempre una cifra guida che alla fine dipende da molti fattori.

Il cambio della membrana è valido quando la membrana che monta la nostra attrezzatura è suscettibile di cambiare per uno o più vantaggi:
Ad esempio, l’attrezzatura monta un 50 GPD e andiamo a 75, 80 o 100 GPD. Questo aumento deve essere accompagnato dalle modifiche che ho descritto sopra: un corretto pretrattamento, un sistema di lavaggio e l’incorporazione altamente raccomandata della pompa nella tua attrezzatura (se non ce l’hai). Quando l’acqua di partenza ha una durezza elevata, bisogna aumentare anche il flusso di scarto, aumentandolo con un limitatore più grande, e la frequenza di lavaggio della membrana.

Discuteremo l’aumento del numero di membrane in un altro articolo, per non renderlo più esteso.

Come puoi capire, ogni acqua è un mondo e, a seconda delle sue caratteristiche, potrebbe essere necessaria una piccola modifica dell’attrezzatura, o una riforma completa per il cambio di dimensione della membrana.

Ad esempio, in acque meno dure (meno di 100 ppm) sono sufficienti le valvole di flussaggio per mantenere in buono stato la membrana. Questo a patto che l’acqua sia molto pulita e ben depurata (senza microelementi in sospensione). Come abbiamo detto prima, possiamo fornirti tutti i prodotti necessari per queste modifiche, allo stesso tempo ti consigliamo in modo che la modifica sia la più conveniente e corretta.

Se l’articolo ti è piaciuto e lo ritieni utile, puoi condividerlo con coloro che potrebbero richiedere queste informazioni.



I PROBLEMI DEGLI ADDOLCITORI

L’utilizzo di sistemi di addolcimento dell’acqua è sempre più diffuso nel nostro Paese. Il maggior vantaggio…

Acquista l'infuso CLICCA QUI 😊👍
Apri Chat
Salve 👋, posso aiutarti? 🤗