I PROBLEMI DEGLI ADDOLCITORI

L’utilizzo di sistemi di addolcimento dell’acqua è sempre più diffuso nel nostro Paese. Il maggior vantaggio offerto da questi sistemi è che consentono ai detersivi di agire efficacemente, sia nel lavaggio della casa e della biancheria che nell’igiene personale. Questo miglioramento dell’acqua verso l’utilizzo dei detersivi si basa sulla quasi totale assenza di calcare e magnesio nell’acqua di lavorazione, che sono gli elementi che in precedenza bloccavano l’azione dei detersivi, impedendo la formazione di schiuma e l’efficacia della pulizia.

Il funzionamento dei sistemi di addolcimento si basa sullo scambio di ioni, e agisce modificando lo ione calcio nell’acqua per lo ione sodio.

Come sapere se l’addolcitore dell’acqua funziona correttamente?

Il corretto funzionamento dell’apparecchiatura è noto quando la durezza dell’acqua in uscita mostra una netta diminuzione del contenuto di calce.
Pertanto, il test richiesto è misurare la durezza dell’acqua, che è già passata attraverso l’addolcitore.

E’ sempre necessario conoscere la durezza dell’acqua all’ingresso dell’apparecchiatura, con questa sapremo come programmarla. Questa programmazione dipende direttamente dai dati di durezza ottenuti, perché da esso dipende il corretto funzionamento dell’addolcitore, ed è fondamentale conoscere la durezza nel caso in cui dovessimo adeguare il programma.

Come conoscere la durezza dell’acqua per un addolcitore.

Innanzitutto avvertite tutti che un misuratore TDS in ppm non è valido per conoscere la durezza dell’acqua.

Per conoscere la durezza dell’acqua dobbiamo ricorrere ad un test di misurazione della durezza, questi test si basano su reagenti chimici che fanno cambiare colore al campione d’acqua, indicando il grado di durezza del campione. Poiché si tratta di dati più che necessari e affinché tu possa conoscerli, includiamo questo kit di misurazione della durezza nel nostro catalogo . Questo kit è stato da noi scelto per unire precisione e semplicità d’uso, poiché è composto solo da un liquido reagente, a differenza di altri che richiedono l’utilizzo di due liquidi.

Qual è il valore corretto per la durezza dell’acqua all’uscita dell’addolcitore.

 Indipendentemente dal valore dell’acqua in ingresso, un’apparecchiatura correttamente funzionante deve fornire acqua con una durezza compresa tra 6 e 10° Hf.
Se il tuo computer non ha questi valori quando esce, potrebbe essere dovuto a diverse cause. Queste cause possono essere intasamento da batteri o ioni metallici, malfunzionamento della testa della valvola dell’apparecchiatura o programmazione errata, o una cattiva regolazione dell’acqua di miscelazione all’uscita dell’apparecchiatura.

Di regola e di più se si è fatto poco o mai, bisogna sempre iniziare con la pulizia delle resine. Questo è qualcosa che è sconosciuto o ritardato ed è un must se vogliamo mantenere le nostre apparecchiature funzionanti correttamente per lungo tempo. Per questo dobbiamo utilizzare un prodotto per la pulizia, come quello in questo link al  nostro catalogo , seguendo le istruzioni dello stesso forzeremo una rigenerazione delle resine.

Una volta che le resine sono state pulite e/o disinfettate, dobbiamo rimisurare il valore di durezza. A seconda del risultato, sapremo se questo era il problema o se l’origine era un’altra.

Malfunzionamento o cattiva regolazione della valvola della testa dell’addolcitore.

Nei casi in cui l’acqua in uscita abbia solo una mancanza di durezza, o una durezza di poco superiore a 10° hf, va regolata la miscela con l’acqua non addolcita prodotta dalla testa della valvola. Consulteremo il nostro manuale di sistema al riguardo. La nostra attrezzatura deve avere una vite per regolare la durezza in uscita, regolando la miscela con l’acqua che non è passata attraverso l’addolcitore, fino a quando la durezza in uscita rientra nei parametri consigliati. Regoleremo questa vite aumentando o diminuendo la miscela per ottenere il valore di uscita desiderato.

Se arrivi a questo punto e non sei stato in grado di far funzionare correttamente la tua attrezzatura, puoi solo rivedere la programmazione dell’attrezzatura e controllare che tutti i parametri siano corretti. In particolare, bisogna verificare se la durezza programmata corrisponda alla reale acqua in ingresso. Partiamo dal presupposto che la testa della valvola rigeneri correttamente le resine, su base programmata. Se non li esegue e abbiamo i parametri ben programmati, dobbiamo pensare che qualcosa non funziona bene.

Un modo semplice, per sapere che l’attrezzatura non esegue la rigenerazione in automatico, è se dopo aver forzato una rigenerazione manualmente, i valori sono corretti, e con il passare del tempo il valore della durezza in uscita della nostra attrezzatura torna a salire, ben superiore a 10 ° hf di massima durezza in uscita.

A questo punto, se non siamo riusciti a procurarci l’attrezzatura per produrre acqua con la giusta durezza, dovremmo pensare a cambiare le resine. Questo se tutto funziona correttamente e l’apparecchiatura si rigenera sia manualmente che su base programmata. Se il problema è nella testa, dovremmo pensare a cambiarlo.

Il problema della contaminazione del decalcificante da parte dei batteri.

In molte installazioni gli addolcitori sono montati per trattare l’acqua che arriva direttamente dai pozzi, o da qualche fonte d’acqua con molta calce che non sia stata trattata con cloro.

Dobbiamo sapere che un addolcitore d’acqua è progettato per funzionare con acqua pubblica correttamente clorata. Quando l’acqua che entra nel sistema non contiene cloro, né è disinfettata, consentiamo a tutti i batteri che l’acqua potrebbe trasportare nel dispositivo. Questo trasforma il decalcificante in un terreno di coltura per questi batteri, che oltre a renderlo inutile può portare a infezioni.
È in questi casi quando è conveniente utilizzare uno sterilizzatore ad acqua a raggi ultravioletti per trattare l’acqua.
Lo sterilizzatore terrà a bada più a lungo i batteri che finiscono sempre per colonizzare le resine. Queste resine, quando sono ricoperte da un film batterico, cessano di svolgere la loro missione, oltre a diventare, come abbiamo detto, terreno di coltura per i batteri. La proliferazione dei batteri avviene anche nelle acque clorate, per cui è obbligatoria una periodica disinfezione delle resine. La frequenza di questa disinfezione varia a seconda della qualità dell’acqua di alimentazione.

Come rilevare la saturazione delle resine da parte di ioni metallici o batteri.

Regolarmente, o almeno un paio di volte all’anno, dobbiamo sapere come funziona il nostro addolcitore d’acqua. Per questo dobbiamo ricorrere a un test di durezza dell’acqua . Quando osserviamo che la misura del contenuto di calce aumenta, dobbiamo pensare che l’efficacia del disincrostante sia diminuita. La diminuzione delle prestazioni è solitamente causata da alcuni ioni metallici o batteri che ricoprono la superficie delle resine di scambio.

Il problema del sodio nell’acqua.

Il problema più importante posto dall’utilizzo di un addolcitore d’acqua è proprio lo scambio che fa con il Sodio. Il corpo umano può tollerare alti livelli di calcio e magnesio nell’acqua potabile, ma al contrario, non può tollerare alti livelli di sodio. Questo è particolarmente grave nelle persone con ipertensione che devono seguire diete a basso contenuto di sodio.

Pertanto, se possiedi un impianto di addolcimento dell’acqua o stai pensando di installarlo, tieni presente quanto segue: Per consumare l’acqua che è stata trattata con un addolcitore, è più che consigliato depurarla con un’apparecchiatura ad osmosi inversa , oppure avere in casa un allacciamento idrico che non passi attraverso l’addolcitore per poterla consumare.
Questo è un problema che viene spiegato raramente, con conseguente consumo di acqua poco consigliabile per la nostra salute, perché vogliamo migliorare l’acqua per i detersivi.

Tutto dipende da cosa vogliamo ottenere

Oggi gli addolcitori a scambio ionico sono insostituibili. 

Bisogna pensare alla difficoltà di rimuovere elementi chimici dall’acqua, questa è una cosa che gli inibitori non fanno, e per questa difficoltà richiede un trattamento complesso a livello chimico come addolcitori ionici, oppure a livello fisico a molecola livello come quello effettuato dall’osmosi.

La verità è che tutti questi sistemi non migliorano l’acqua potabile, anzi in alcuni di essi. quindi l’osmosi è comunque necessaria per ridurre l’eccesso di calce e sali minerali e avere un’acqua davvero salutare nella nostra casa.



Acquista l'infuso CLICCA QUI 😊👍
Apri Chat
Salve 👋, posso aiutarti? 🤗